Valentina Ghetti

vicedirettore

ricercatrice dell’Istituto per la Ricerca Sociale di Milano, dove svolge attività di ricerca, formazione e consulenza soprattutto nel settore della programmazione e della valutazione in ambito sociale e socio-sanitario. Ha una conoscenza approfondita del sistema lombardo di welfare grazie alle diverse attività di studio e consulenza per la Regione Lombardia e per numerosi territori lombardi



2 aprile 2015

images (1)

Messa a sistema delle sperimentazioni: indicazioni su adolescenti, abuso di sostanze e grave marginalità

Dgr n.X/3206 del 26 marzo 2015 – Programmazione dei percorsi di inclusione sociale a favore delle famiglie con adolescenti in difficoltà, nonché di giovani e persone con problemi di abuso a grave rischio di emarginazione

di

Si tratta della prima deliberazione in cui la Giunta definisce la possibilità di prosecuzione di alcune misure avviate come sperimentazioni innovative attingendo al finanziamento di risorse europee, legato al POR FSE 2014-2020.

Temi › , ,

31 marzo 2015

green-jobs-41038_200x200

Vendor rating nelle RSA: a che punto siamo?

Intervista ad Emanuele Gollini – Confcooperative Lombardia e direttore RSA Villa Azzurra (MN)

A cura di

La delibera delle regole 2015 ha esplicitato l’intenzione della Regione di superare la budgettizzazione dei posti RSA su base storica per orientarsi, già dal 2015, verso un sistema fondato sulla valutazione della qualità delle strutture, attraverso l’applicazione di un sistema di Vendor Rating. Cosa è accaduta a seguito della approvazione della dgr e a che punto siamo sul percorso di attuazione del sistema di Rating per le Rsa? Il referente di Confcooperative Lombardia del gruppo tecnico istituito dalla Regione, spiega ai lettori di LS il percorso che si è intrapreso, su cosa si sta concretamente lavorando e quali variazioni si auspicano nell’attuazione del sistema.

Temi › ,

3 marzo 2015

images (1)

Le risorse per il welfare sociale lombardo nel 2015

Cosa devono aspettarsi i territori lombardi?

di

A quanto ammontano i fondi nazionali e regionali dedicati al welfare per il nuovo anno? I fondi nazionali tengono, mentre si rilevano primi assestamenti alla crescita delle risorse regionali destinate al comparto socio-sanitario e procede la decurtazione dei fondi per il sociale. Un commento alla situazione che si prospetta per i territori lombardi in tema di finanziamento.

Temi › ,

25 febbraio 2015

famiglie fragili

Nuovo stanziamento per il Fondo Famiglia: proseguono le misure a sostegno delle famiglie fragili

Dgr n.X/2942 - Interventi a sostegno della famiglia e dei suoi componenti fragili ai sensi della dgr 116/2013: secondo provvedimento attuativo. Conferma azioni avviate nel 2014 e azioni migliorative

di

Con la presente delibera la Regione dà continuità anche per l’anno in corso alle misure riferite al cosiddetto Fondo Famiglia, definite con la dgr 856/2013. Vengono stanziati ulteriori 50 milioni a finanziamento delle diverse misure e indicati alcuni indirizzi di miglioramento a seguito della prima fase di attuazione, su cui vengono forniti alcuni dati sui primi risultati raggiunti.

Temi › , , , ,

2 febbraio 2015

download

Linee guida regionali ai piani di zona: cosa ne pensano gli ambiti lombardi?

Prime reazioni dei territori al documento regionale per la programmazione sociale 2015-2017

di e

A fine anno sono state emanate dalla Regione le linee guida per la nuova programmazione zonale. Un documento atteso dai territori, arrivati ormai a scadenza della quarta edizione della programmazione zonale.

Temi › ,

30 gennaio 2015

fili

Reti dei servizi in Lombardia: il caso delle cure palliative

Contributo di Paolo Ferrario già docente di Politiche sociali alla Università di Milano Bicocca e autore del Blog di ricerca Mappeser.com

A cura di

L’articolo esamina i caratteri istituzionali ed organizzativi del sistema lombardo dei servizi, con particolare riferimento alle cure palliative. Le cure palliative rappresentano un buon esempio di efficace strutturazione dell’integrazione tra differenti aree di welfare, un caso quindi interessante da osservare per orientare gli attuali processo di integrazione promossi dall’Esecutivo Maroni.

Temi › ,

12 gennaio 2015

regole3

Le regole di sistema 2015

Dgr n. X/2989 del 23 dicembre 2014 – Determinazioni in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l’esercizio 2015

di

L’antivigilia di Natale la Giunta ha approvato le nuove regole di sistema. Per i servizi sociosanitari, ed in particolare per le RSA, ci sono importanti novità. Inizia il percorso di adozione dei costi standard, si apre la contrattualizzazione di nuovi posti e soprattutto si avvia l’introduzione di un nuovo sistema di remunerazione, che supera la logica della spesa storica a favore un sistema basato sulle performance delle strutture – Vendor rating.

Temi › ,