Agricoltura Sociale Lombardia: una rete d’inclusione

Un contributo di Sara Bellingeri, ufficio stampa e comunicazione Agricoltura Sociale Lombardia. In dialogo con Adriana Pagliarini, coordinatrice di rete; Giovanni Rossoni, coordinatore del territorio di Como; Ambrogio Alberio, responsabile fattoria sociale “La Cavallina”; Clara, giovane tirocinante.

A cura di

Assunzioni, tirocini, percorsi di formazione e alternanza scuola-lavoro: la rete regionale composta da 139 realtà scardina barriere e pregiudizi relativi a handicap e disagio dando vita a opportunità di riscatto. L’esempio virtuoso di Como con Fondazione Minoprio e fattoria sociale “La Cavallina”.

2018-09-12T18:11:07+00:00 12 settembre 2018|Categories: Disabilità, in evidenza, Nel territorio|Tags: |

Relazione versus Segregazione nelle forme dell’abitare

Un contributo di Francesco Chiodaroli, Presidente Commissione Disabili Uneba Lombardia – Direttore Fondazione Stefano ed Angela Danelli Onlus – Lodi

A cura di

Prosegue il dibattito sul tema della segregazione delle persone con disabilità. In tutte le soluzioni abitative che non prevedono la possibilità da parte delle persone con disabilità di partecipare attivamente alla propria vita, c’è segregazione. Tra gli aspetti di forza a contrasto: le equipe multi professionali, la vita comunitaria e una programmazione regionale aperta all’innovazione sociosanitaria.

2018-08-01T17:13:15+00:00 26 giugno 2018|Categories: Disabilità, Punti di vista|Tags: , , |

Lo strano caso delle tariffe nei CDD Lombardi

Contributo di Massimiliano Malè – Direttore dei Servizi della Cooperativa Sociale Nikolajewka ONLUS

A cura di

L’articolo analizza e commenta le distorsioni del sistema di remunerazione nei CDD mediante l’utilizzo delle schede SIDi. Al crescere della fragilità cresce la remunerazione giornaliera da parte del Fondo Sanitario Regionale, ma non in proporzione allo standard gestionale minimo richiesto. Risultato: più si è gravi, più cresce il costo della frequenza al servizio.

2018-06-22T14:22:09+00:00 28 maggio 2018|Categories: Disabilità, Punti di vista|Tags: |

La segregazione delle persone con disabilità

Un commento intorno alle evidenze della ricerca Fish sulla segregazione nella disabilità

di

L’analisi della recente pubblicazione degli esiti di una ricerca promossa dalla Fish sulla segregazione in Italia, offrono lo spunto per analizzare gli indicatori di segregazione in connessione con il contesto lombardo.

2018-06-22T14:27:13+00:00 8 maggio 2018|Categories: Dati e ricerche, Disabilità|Tags: , |

FNA 2017: buoni sociali arruolati in prima linea

Dgr n. 7856 del 12.02.2018 “Programma operativo regionale a favore di persone con gravissima disabilità e in condizione di non autosufficienza e grave disabilità di cui al FNA 2017

di

Il contributo analizza il piano regionale per la non autosufficienza 2018 approvato recentemente. Avanti con le misure B1 e B2 sotto forma quasi esclusivamente di buoni sociali … attenzione a non svuotare di senso il processo di presa in carico.

2018-06-07T14:59:18+00:00 14 marzo 2018|Categories: Anziani, Atti e normative, Disabilità|Tags: |

Gli interventi a favore delle persone con disabilità

Le posizioni dei candidati governatori sullo sviluppo del welfare lombardo

A cura di , e

Tra regolazione del sistema dei servizi e rischio di sanitarizzazione. Le posizioni dei candidati sugli interventi a sostegno delle persone con disabilità e delle loro famiglie.

2018-06-06T11:29:28+00:00 19 febbraio 2018|Categories: Disabilità, La voce della Regione|Tags: , |

FNA 2016: i soldi non bastano … mai?

Un’analisi dei dati FNA 2016 - misura B1 e B2

di e

Il contributo propone un’analisi dei dati recentemente presentati sull’utilizzo del FNA 2016 (misure B1 e B2) a valere sul 2017 e sulla previsione di risorse per l’anno 2018, in attesa del programma operativo regionale di definizione dei criteri e di assegnazione delle risorse del FNA. Più finanziamenti per la gravissima disabilità erogati ai beneficiari sottoforma di buoni più che di voucher… ma nel complesso resta lo status quo e la tendenza a lasciare sola la famiglia nella cura.

2018-06-06T11:29:50+00:00 7 febbraio 2018|Categories: Anziani, Dati e ricerche, Disabilità|Tags: |

Vivere in “ospedale” fa bene alla salute?

Un commento sulla sanitarizzazione dei servizi sociosanitari per la disabilità. Contributo di F. Magani – Direttore RSD Fondazione Stefania Onlus

A cura di

Si torna a riflettere sul tema della sanitarizzazione dei servizi sociosanitari per la disabilità, analizzando l’evoluzione nei servizi residenziali e le ricadute per la vita delle persone. Cosa significa sanitarizzazione per le relazioni delle persone con disabilità, per la costruzione di un progetto di vita, per la qualità della loro vita? Questo ed altri elementi sono approfonditi dal contributo.

2018-06-06T11:38:52+00:00 22 gennaio 2018|Categories: Disabilità, Punti di vista|Tags: |

Dopo di Noi: cosa hanno programmato le regioni

Contributo di Claudio Castegnaro ed Eleonora Gnan

A cura di

La normativa nazionale sul Dopo di Noi (legge 112/2016) lascia alle regioni un certo grado di autonomia e flessibilità nella realizzazione dei singoli programmi attuativi, pensati e ragionati in relazione alle peculiarità e alle esigenze dei diversi contesti regionali. Per ricostruire una prima mappa conoscitiva, abbiamo analizzato i provvedimenti di nove regioni dimostrando come siano stati previsti criteri di intervento diversi e spunti innovativi.

2018-06-22T14:37:02+00:00 16 gennaio 2018|Categories: Dati e ricerche, Disabilità, Senza categoria|Tags: , |

Disabilità: più sostegni … alla solitudine?

Un contributo di Riccardo Morelli – assistente sociale unita zonale disabilità, ufficio di piano ambito Garbangnate milanese, Paolo Brambilla – direttore associazione Voglio la Luna di Limbiate, assistente sociale, Donatella Barberis – responsabile ufficio di piano ambito Lodi

A cura di

Un’analisi complessiva delle misure tipiche di questa ultima legislatura fa emergere come l’incremento delle risorse disponibili abbia fatto aumentare il numero delle persone prese in carico dal sistema di welfare sociale ma senza affrontare i problemi che generano ancora la discriminazione e la segregazione delle persone con disabilità. Con qualche significativa eccezione.