I fondi sociali nella legge di bilancio 2018

Un contributo di Francesco Bertoni, funzionario della Città metropolitana di Bologna, si occupa dell’attività di coordinamento e programmazione delle politiche sociali e sociosanitarie all’interno dell’Ufficio di Supporto alla Ctss metropolitana di Bologna, l’organismo di livello intermedio nella governance della Regione Emilia-Romagna.

A cura di

Verso la costruzione di un sistema dei servizi alla persona? La legge di bilancio 2018, per il triennio 2018-2020, evidenzia un andamento positivo riguardo le risorse stanziate a sostegno delle politiche sociali, soprattutto grazie al finanziamento del fondo per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale, un segnale di inversione di tendenza del sottofinanziamento storico del sistema italiano dei servizi alla persona.

2018-06-06T11:29:48+00:00 10 febbraio 2018|Categories: Atti e normative, Finanziamento e spesa|Tags: |

Superata l’incertezza, chiarito il quadro delle risorse a disposizione per l’anno in corso

Le conferme sul finanziamento a seguito dell’assestamento regionale di bilancio e dei riparti nazionali

di

Come di consueto, a seguito dell'assestamento del bilancio regionale approvato in estate, e alla luce dei riparti alle Regioni dei principali fondi sociali nazionali, facciamo il punto sul quadro del finanziamento al welfare territoriale lombardo.

La gestione regionale dei fondi sociali: qualcosa sta cambiando?

Commento ai recenti riparti delle risorse del Fondo nazionale politiche sociali e della quota parte del Fondo sociale regionale

di

Un commento alle delibere di riparto Fondo nazionale politiche sociali (FNPS) 2015 e della quota parte di 12 milioni, integrativi dei 58 già assegnati, del Fondo sociale regionale (FSR). Riparti inferiori alle risorse assegnate dal livello nazionale e governo in mano alle Asl: la Regione torna al centralismo del passato?

Reddito di autonomia e disabilità: obiettivo inclusione sociale?

Il commento al decreto di assegnazione delle prime risorse in favore dell'inclusione delle persone con disabilità

di

Nel giro delle prossime settimane entrerà a regime la misura del Reddito di autonomia in favore dello "Sviluppo dell'autonomia finalizzata all'inclusione sociale delle persone disabili". Un provvedimento che viene incontro alle esigenze dei nuclei familiari in difficoltà economica, anche a causa dei costi che devono sopportare per l'assistenza ad un familiare con disabilità. Obiettivo fondamentale degli interventi sarà l'inclusione sociale delle persone coinvolte, con un orientamento complessivo verso la presa in carico e la progettazione personalizzata. Una scelta coraggiosa che sfida e coinvolge da un lato i servizi sociali comunali e dall'altro gli enti gestori di servizi quali i CSE e gli SFA. Un provvedimento che contiene alcune criticità di cui tener conto per auspicabili e successivi interventi di carattere strutturale.

FNA 2015 – All’insegna della continuità

La conferma delle misure B1 e B2

di

L'articolo analizza la nuova delibera di riparto del Fondo per la Non Autosufficienza 2015, che fornisce indicazioni in sostanziale continuità con l'impianto dello scorso anno. Vengono puntualizzati i risultati consolidati, i problemi ancora presenti e soprattutto posti alcuni punti di attenzione che pesano sull'applicazione della delibera.

Assestamento 2015: la dotazione finanziaria del welfare regionale tra conferme e sorprese

Un’analisi del finanziamento al welfare a seguito dell’assestamento di bilancio

di

A luglio 2015, come di consueto, la Giunta ha approvato l’assestamento di bilancio, con il quale vengono riviste o confermate le assegnazioni ai diversi capitoli di spesa. L’articolo analizza il quadro delle risorse al welfare per il 2015, anche in considerazione degli stanziamenti nazionali, osservando il trend in atto e illustrando i cambiamenti avvenuti.

FNA 2014: Andante verso l’integrazione sociosanitaria, Adagio verso la presa in carico?

Un commento alle dgr di riparto del Fondo non autosufficienza

di

E’ soprattutto attraverso le modalità di utilizzo del Fondo per la Non Autosufficienza che la Giunta Regionale ha reso concrete le sue intenzioni riformatrici del welfare sociale lombardo. Le scelte compiute per questa seconda annualità confermano il percorso in atto, con una forte attenzione alla omogeneità degli interventi ed all’integrazione sociosanitaria, non senza fatiche e resistenze sul piano della presa in carico.

2018-06-22T16:00:48+00:00 17 dicembre 2014|Categories: Anziani, Disabilità, Punti di vista|Tags: , |

Fondo non autosufficienza 2014: ulteriori determinazioni

Dgr n.X/2883 del 12 dicembre 2014 - Programma operativo regionale in materia di gravi disabilità e non autosufficienze di cui al fondo nazionale per le non autosufficienze anno 2014. Ulteriori determinazioni

A cura di

Con la presente dgr si completa il riparto delle risorse afferenti al Fondo non autosufficienza. La Regione stanzia i rimanenti 28,4 milioni agli ambiti territoriali per misure in favore di persone con disabilità grave e in condizioni di non autosufficienza.

L’esecutivo Maroni e le risorse per il welfare sociale

Il punto sul finanziamento al welfare per l’anno 2014

di

Quanto ha investito il nuovo esecutivo nel welfare sociale? A quasi due anni dall'avvio della nuova legislatura, e con l'approvazione del bilancio per il nuovo anno alle porte, facciamo il punto delle risorse confermate dall'assestamento 2014. Si conferma la crescita del sociosanitario, in calo l’investimento sul sociale.