FNA 2015 – All’insegna della continuità

La conferma delle misure B1 e B2

di

L'articolo analizza la nuova delibera di riparto del Fondo per la Non Autosufficienza 2015, che fornisce indicazioni in sostanziale continuità con l'impianto dello scorso anno. Vengono puntualizzati i risultati consolidati, i problemi ancora presenti e soprattutto posti alcuni punti di attenzione che pesano sull'applicazione della delibera.

2018-06-25T17:29:04+02:0017 Novembre 2015|Categories: Minori e Famiglia, Punti di vista|Tags: , |

Assestamento 2015: la dotazione finanziaria del welfare regionale tra conferme e sorprese

Un’analisi del finanziamento al welfare a seguito dell’assestamento di bilancio

di

A luglio 2015, come di consueto, la Giunta ha approvato l’assestamento di bilancio, con il quale vengono riviste o confermate le assegnazioni ai diversi capitoli di spesa. L’articolo analizza il quadro delle risorse al welfare per il 2015, anche in considerazione degli stanziamenti nazionali, osservando il trend in atto e illustrando i cambiamenti avvenuti.

FNA 2014: Andante verso l’integrazione sociosanitaria, Adagio verso la presa in carico?

Un commento alle dgr di riparto del Fondo non autosufficienza

di

E’ soprattutto attraverso le modalità di utilizzo del Fondo per la Non Autosufficienza che la Giunta Regionale ha reso concrete le sue intenzioni riformatrici del welfare sociale lombardo. Le scelte compiute per questa seconda annualità confermano il percorso in atto, con una forte attenzione alla omogeneità degli interventi ed all’integrazione sociosanitaria, non senza fatiche e resistenze sul piano della presa in carico.

2018-06-22T16:00:48+02:0017 Dicembre 2014|Categories: Anziani, Disabilità, Punti di vista|Tags: , |

Fondo non autosufficienza 2014: ulteriori determinazioni

Dgr n.X/2883 del 12 dicembre 2014 - Programma operativo regionale in materia di gravi disabilità e non autosufficienze di cui al fondo nazionale per le non autosufficienze anno 2014. Ulteriori determinazioni

A cura di

Con la presente dgr si completa il riparto delle risorse afferenti al Fondo non autosufficienza. La Regione stanzia i rimanenti 28,4 milioni agli ambiti territoriali per misure in favore di persone con disabilità grave e in condizioni di non autosufficienza.

2018-06-12T16:05:17+02:0017 Dicembre 2014|Categories: Anziani, Atti e normative, Disabilità|Tags: , |

L’esecutivo Maroni e le risorse per il welfare sociale

Il punto sul finanziamento al welfare per l’anno 2014

di

Quanto ha investito il nuovo esecutivo nel welfare sociale? A quasi due anni dall'avvio della nuova legislatura, e con l'approvazione del bilancio per il nuovo anno alle porte, facciamo il punto delle risorse confermate dall'assestamento 2014. Si conferma la crescita del sociosanitario, in calo l’investimento sul sociale.

Fondo non autosufficienza 2014. Prime indicazioni

Dgr n. X/2655 del 14/11/2014 - Programma operativo regionale in materia di gravissime disabilità in condizione di dipendenza vitale, di cui al Fondo Nazionale per le non autosufficienze, anno 2014. Prime determinazioni.

di

Con la presente delibera la Regione ripartisce una prima quota del Fondo nazionale per le non autosufficienze 2014 in favore di persone con gravissime disabilità. Pur in continuità con quanto istituito lo scorso anno (misura B1), ci sono diverse novità a cui prestare attenzione.

2018-06-12T16:16:50+02:0028 Novembre 2014|Categories: Anziani, Atti e normative, Disabilità|Tags: , |

Una valutazione sulle misure rivolte agli anziani nella X legislatura

Un contributo di Fabrizio Giunco - Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus, Milano

A cura di

Per offrire ai lettori una prima visione di quadro sul welfare dell’esecutivo Maroni, Lombardia Sociale ha chiesto ad alcuni testimoni privilegiati di valutare i primi 18 mesi della X legislatura rispetto ad alcuni temi trasversali, esplicitando per ognuno quali sono le aspettative, i cambiamenti,i risultati e le speranze in gioco. L’articolo che segue espone l’opinione del dott. Fabrizio Giunco riguardo all’area anziani.

Attivamente, e con attenzione, verso una presa in carico integrata nel territorio Cremonese

Contributo di Giovanni Maria Gillini - Responsabile UOD Programmazione territoriale, ASL Cremona

A cura di

Continua la rilevazione di punti di vista e applicazioni locali dell’indirizzo regionale sulla presa in carico integrata - dgr 740 e 856. L’articolo espone alcune riflessioni provenienti dall’esperienza che si sta conducendo presso l’Asl di Cremona. Lo sguardo di un operatore dell’ASL, e non dei Comuni come nei precedenti articoli pubblicati, allarga la riflessione ad alcune necessarie integrazioni sanitarie, e cerca di evidenziare qualche snodo applicativo utile per ri-aprire alle riflessioni future.

Presa in carico integrata: cosa sta accadendo sul territorio regionale? – 2

Intervista a Federico Palla - Responsabile UdP, AT Treviglio (BG), con la collaborazione di Alessandra Maffi - Assistente Sociale, Ospedale di Treviglio, referente CeAD per l’ambito di Treviglio

A cura di

Lombardia Sociale prosegue la ricognizione in atto nei territori lombardi per analizzare le conseguenze dei provvedimenti regionali che stabiliscono la presa in carico integrata tra ASL e Comuni. Dopo esserci soffermati su un Ambito territoriale del milanese il nostro approfondimento si sposta nella bergamasca.