Domiciliarità: serve una nuova progettualità

Contributo di Cristiano Gori e Marco Trabucchi

di

La crescita di attenzione verso la domiciliarità, legata alla recente pandemia, trova spazio nel “Decreto Rilancio” attraverso un nuovo stanziamento di risorse dedicate. Tuttavia in assenza di un profondo ripensamento della progettazione di questo fondamentale tassello dell’assistenza agli anziani, qualunque dotazione aggiuntiva di risorse rischia di rivelarsi un’occasione persa.

2020-06-04T23:05:41+02:003 Giugno 2020|Categorie: Anziani, Punti di vista|Tag: , , |

PNNA: un giudizio ambivalente, in attesa della riforma

Contributo di Cristiano Gori (Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università di Trento e Network Non autosufficienza), Franco Pesaresi (Direttore ASP “Ambito 9” Jesi, Ancona, e Network Non Autosufficienza)

A cura di

Quale valutazione dare del “Piano per la non autosufficienza 2019-2021” recentemente emanato dal Ministero del Welfare? Gli autori rispondono a questo interrogativo, mettendo in luce i punti di forza e di debolezza del Piano. La discussione di tale atto programmatorio, inoltre, viene condotta con uno sguardo alle complessive esigenze di riforma delle politiche per la non autosufficienza in Italia.

Non autosufficienza e cronicità: le politiche regionali 2017- 2019

A cura di

Presentiamo qui un vademecum, scaricabile in allegato, che raccoglie alcuni tra gli articoli e i contributi pubblicati nel corso degli ultimi due anni - a cavallo tra la Xma e la XIma legislatura – sulla presa in carico della cronicità e sulle politiche per la non autosufficienza, sia sul fronte della domiciliarità che su quello della residenzialità. Tirando le somme, dove sta andando il sistema di welfare lombardo per i non autosufficienti?

La PiC lombarda: evoluzione e confronto con altri modelli

Un contributo del dott. Giuseppe Belleri - MMG a Flero (BS)

A cura di

Dopo aver ripercorso le tappe e l’evoluzione del percorso di presa in carico della cronicità facendone emergere i nodi più problematici, l’Autore compara il modello lombardo con quello di altre Regioni.