Temi

Sperimentazioni



21 giugno 2017

house in human hands on a white background

Il valore sociale della disabilità nell’abitare

Intervista a Matteo Sana, presidente della Cooperativa Namastè

A cura di

Approfondiamo in questa sede un’altra esperienza collegata al network di Immaginabili Risorse: il progetto condominiale di San Paolo d’Argon della Cooperativa Namastè in provincia di Bergamo. Due sono le leve dell’esperienza: abitare è relazione e per generare processi di reciprocità, prima di chiedere e di ricevere bisogna imparare a dare, anche con gesti semplici.

Temi > , ,

8 giugno 2017

ARTICOLO

Cosa sono diventati i consultori lombardi?

Analisi della riforma, dal suo progetto alle regole 2017

di

Continua la riflessione sulla riforma dei servizi consultoriali: cosa è accaduto in questi 6 anni di attuazione della riforma, tra seprimentazioni e regole? L’articolo evidenzia il rischio di un grande paradosso: servizi che non sono riusciti a riformarsi in centri per le famiglie ma al contempo che hanno indebolito il loro core di attività e la peculiarità identitaria costruita negli ultimi decenni.

Temi > , ,

16 gennaio 2017

colpo-di-scena

Curare il territorio per curare le persone

Un contributo di Angelo Nuzzo, Presidente della cooperativa sociale Radici nel Fiume

A cura di

Provare ad andare oltre l’erogazione dei servizi alla persona ribaltando lo stereotipo della persona con disabilità che deve “normalizzarsi” ed adattarsi al contesto.
Il percorso di approfondimento delle realtà territoriali collegate al network di Immaginabili Risorse procede con l’esperienza della cooperativa sociale Radici nel Fiume.

Temi > , ,

1 dicembre 2016

ponte 3

Costruire reciprocità, l’esperienza della rete bresciana dei servizi socio sanitari per disabili

Un contributo di Luca Gorlani, coordinatore del progetto Rete dei Servizi di Brescia

A cura di

Prosegue il nostro approfondimento di esperienze collegate al network di Immaginabili Risorse con il progetto “Rete dei Servizi” di Brescia: realizzare inclusione sociale e affermare il valore sociale della disabilità mettendosi in rete e costruendo ponti tra i diversi soggetti che a vario titolo si occupano di disabilità nei territori.

Temi > , ,

26 ottobre 2016

scattare-foto1

Inclusione sociale delle persone con disabilità intellettiva e psichica, esito secondario di un progetto di coesione sociale

Contributo di Elena Boldrin, cooperativa sociale Anfibia, e Marco Zanisi, presidente cooperativa sociale Serena)

A cura di

L’inclusione sociale della persona con disabilità è l’esito di quel processo di modificazione nel corso del quale a diventare migliore è la società (Luca Tagliabue).
L’articolo propone l’esperienza del Progetto Passaggi che, in particolare, con la Biografia Partecipata, offre un’importante opportunità di protagonismo sociale per i cittadini fragili del quartiere Canazza di Legnano.

Temi > , ,

28 giugno 2016

wave-639237_640

Da Cosa Nostra a Casanostra: partire dal “fuori” per creare il “dentro”

Intervista a Clara Colli – coordinatrice di servizi della cooperativa sociale “Solaris” di Triuggio e Fabio Terraneo – presidente associazione “Il Mosaico” di Giussano

A cura di

Prosegue il percorso di approfondimento di esperienze territoriali che applicano l’approccio al mondo della disabilità del network di Immaginabili Risorse, che abbiamo iniziato con “Risorseinrete” del Consorzio Desio-Brianza.
Con il progetto Casanostra, “Il Mosaico” e “Solaris” intendono restituire al territorio un bene confiscato alla criminalità organizzata e affermare il valore sociale della disabilità. Un aspetto cardine dell’esperienza è “creare il contesto perché si sviluppino idee concrete ed azioni per e con le persone con disabilità dentro la società in modo vero”.

Temi > , ,

5 aprile 2016

esperienza Lecco

Coprogettazione e politiche per la famiglia: l’esperienza del comune di Lecco

Intervista a Riccardo Mariani, Assessore alle Politiche Sociali, Lavoro e Casa del Comune di Lecco e a Marina Panzeri, dirigente della medesima Area del Comune di Lecco.

A cura di

A partire dal 2011, Regione Lombardia ha normato e fornito indicazioni in attuazione della L.328 e del d.p.c.m. 30/03/2001 in merito alle procedure di coprogettazione con il terzo settore.
Molti Comuni hanno così cominciato ad utilizzare la coprogettazione come strumento e metodo per la progettazione e l’implementazione dei servizi, in particolare nell’area degli interventi rivolti a famiglie e minori. Presentiamo qui l’esperienza del Comune di Lecco, Comune che tra i primi ha adottato questo strumento per avviare un approfondimento sulle opportunità offerte dalla coprogettazione e per innovare le misure e le politiche rivolte a famiglie e minori nei grandi Comuni lombardi.

Temi > , , ,

30 marzo 2016

visione2

Verso Immaginabili Risorse 2016. Un’altra visione della disabilità è possibile

In dialogo con Maurizio Colleoni - Referente Scientifico Rete Immaginabili Risorse

A cura di

In preparazione dell’appuntamento di Immaginabili Risorse 2016, l’articolo propone alcune riflessioni circa le caratteristiche delle esperienze che si stanno aggregando intorno all’iniziativa ed alla visione del lavoro con la disabilità che viene proposto. Ci si sofferma in particolare su quanto rappresentano esperienze di nicchia e a che condizioni, invece, possono “contaminare” i servizi tradizionali e le politiche.

Temi > , ,

17 febbraio 2016

lente

La riforma sociosanitaria è entrata in vigore: cosa abbiamo capito in più?

Un’analisi aggiornata dei primi due mesi di attuazione della L.R. 23/2015

di e

A due mesi dall’avvio della riforma alcuni aspetti della legge si sono fatti più chiari. L’evoluzione migliorativa del sistema, nell’idea del legislatore, tocca prevalentemente il sistema sanitario, mentre manca un’idea chiara di integrazione con il sociale. I rischi di stress del sistema e di arretramento su alcuni percorsi già in atto, sembrano – in questa prima fase attuativa – già pienamente confermati.

Temi > , , ,

30 ottobre 2015

images

Con le famiglie e il territorio. La sperimentazioni dei Centri Famiglia nei Consultori Familiari

Contributo di Bruno Vedovati - coordinatore dei consultori familiari Zelinda e Basso Sebino

A cura di

L’articolo propone alcune riflessioni sulle nuove sfide per i consultori familiari a partire da due sperimentazione sul territorio della bergamasca.

Temi > , ,