Temi

Tutela



22 febbraio 2017

download

Linee guida sulla tutela: una call per le buone pratiche locali

Intervista a Davide Sironi – dirigente presso la Direzione Generale Reddito di Autonomia e Inclusione sociale

A cura di

A seguito della pubblicazione delle linee guida regionali sulla tutela minori, la Regione lancia una call per la raccolta di buone pratiche locali, coerenti con le linee di indirizzo emanate. L’intervista approfondisce le ragioni di merito dell’iniziativa e specifica nel dettaglio le modalità della call.

Temi > ,

11 luglio 2016

images

Metodi, principi e approcci per la tutela minori: linee guida per il lavoro degli operatori

Intervista a Francesca Musicco, responsabile del servizio di Tutela dei minori di Sercop

A cura di

Gli operatori dei servizi per la tutela dei minori si trovano spesso ad intervenire in situazioni complesse, multiproblematiche e a volte emergenziali e ad avere a che fare con concetti e principi complessi, come quello di tutela, capacità genitoriale, condizioni di rischio o benessere dei minori. L’intervista presenta un documento di linee guida che affronta orientamenti, principi, strumenti e metodi utili negli interventi di tutela e che emerge da un lavoro di costruzione e redazione realizzato dagli operatori del servizio tutela di Sercop.

Temi > ,

8 giugno 2016

1564a

La soppressione dei Tribunali per i Minorenni nella proposta di riforma della giustizia

Una guida per orientarsi nel dibattito

A cura di

La proposta di riforma della giustizia al momento in passaggio al Senato prevede la soppressione dei Tribunali per i Minorenni e la creazione di sezioni specializzate ad hoc. Tutti i principali soggetti che in Italia si occupano del tema si sono attivati per richiedere l’arresto del processo di approvazione e la revisione di quanto proposto. Proponiamo qui una breve guida per orientarsi nel dibattito in corso e accedere ai principali documenti e comunicati stampa sul tema.

Temi > ,

6 aprile 2016

tutela

Bambini, ragazzi e giovani in percorsi educativi e di tutela. Quanti sono in Lombardia?

di

Sono quasi 12.000 i minori e i giovani under 21 coinvolti in percorsi educativi e di tutela in Lombardia nel 2013. Da dove originano questi percorsi, quanto durano e come terminano? I dati relativi alla rendicontazione del Fondo Sociale Regionae consentono di costruire un primo quadro di riferimento sul fenomeno e di avviare alcune riflessioni in merito alle principali dinamiche evidenziate.

Temi > ,

21 marzo 2016

112513_0150913_106557_dad_umbrella

Condividere i saperi, ricomporre le risorse e integrare gli interventi per promuovere i diritti e la tutela dei minori

DGR n.X/4821 "Linee guida per la promozione dei diritti e delle azioni di tutela dei minori con le loro famiglie"

A cura di

Le Linee Guida regionali per la promozione dei diritti e delle azioni di tutela sono state elaborate da un gruppo di lavoro che ha riunito i rappresentanti di tutte le organizzazioni che operano negli interventi di tutela dei minori, e sistematizzano in modo efficace gli orientamenti metodologici già assunti a riferimento da molti territori lombardi, dettagliandone il senso e articolandone il funzionamento concreto tramite l’esplicitazione e la valorizzazione di ruoli, funzioni e competenze di tutti i soggetti coinvolti e coinvolgibili negli interventi di tutela.

Temi > ,

19 febbraio 2016

affido2

L’affido partecipato: perché è così difficile da applicare?

Contributo di Elena Bruno - Assistente sociale del Servizio Tutela Minori Tecum Servizi alla persona - Mariano C.se (CO)

A cura di e

A oltre trent’anni dalla legge 184/83 che istituisce l’affido si è arrivati sostenere, sia nella ricerca sia nella prassi dei Servizi, che la possibilità di partecipare al progetto delle famiglie assieme agli operatori, è un elemento che facilita la realizzazione di affidi con esito positivo. Tuttavia le ricerche rilevano che sebbene gli operatori condividano in sede teorica tale evidenza, nella pratica faticano a realizzare questo approccio nei diversi passaggi del progetto di affido.

Temi > , ,

12 luglio 2015

images (3)

Cosa fanno e come stanno gli assistenti sociali lombardi nei servizi per la tutela dei minori?

Intervista a Elena Cabiati, assistente sociale, dottore di ricerca in Sociologia e docente di Metodologia del Servizio Sociale presso l’Università Cattolica di Milano

A cura di

In occasione della pubblicazione del volume “Gli assistenti sociali in child protection. Cosa pensano cosa fanno come stanno, un’indagine in Lombardia”, presentiamo i principali esiti della ricerca attraverso un’intervista all’autrice.

Temi > ,

8 maggio 2015

Diapositiva1

I servizi residenziali in Lombardia: tra dotazione ed equità territoriale

Ricognizione sul sistema d’offerta per la residenzialità. Analisi dei dati disponibili su Open data regionale

di

A quanto ammonta l’offerta residenziale in Lombardia? Quante strutture e quanti posti? Quale evoluzione ha subito in questi ultimi anni? Come è distribuita territorialmente l’offerta e che livello di copertura del bisogno garantisce? Inizia, con questo approfondimento sulla residenzialità, una ricognizione sullo stato dell’offerta del welfare sociale lombardo.

Temi > , , , , ,

20 giugno 2014

servizi tutela minori

I mille modi della tutela minori

Le configurazioni gestionali e organizzative dei servizi di tutela incidono sulla loro efficacia e qualità?

di

Rispetto alle tante configurazioni organizzative e gestionali che i servizi per la tutela dei minori assumono in Lombardia, quali sono le dimensioni e le possibili attenzioni rispetto a cui interrogarsi per valutarne il funzionamento e l’efficacia? A partire dalle riflessioni emerse da una ricerca dell’Università di Milano Bicocca per il NEASS questo contributo prova a tratteggiare alcuni elementi nodali per contribuire all’ampliamento del dibattito sul tema e stimolare quanti operano a vari livelli in questo settore a riflessioni sempre più orientate al suo sviluppo in termini di qualità e di efficacia.

Temi > ,

15 novembre 2013

tutela minori

Quale organizzazione per servizi di tutela minori di qualità?

di Paolo Gualtieri responsabile dell'Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona di Ghedi (Bs) e Cecilia Guidetti, ricercatrice IRS e Lombardiasociale.it

A cura di

L’articolo, a partire da una riflessione in merito all’attuale configurazione organizzativa dei servizi di tutela minori in Lombardia, propone la definizione di alcuni requisiti organizzativi minimi perché questi servizi possano considerarsi tali e intervenire efficacemente per rispondere al proprio mandato.

Temi > ,